Corpo di pelle.

Impazzisco….
Le tue mani sulla mia pelle…
Il respiro si fa corto…
la bocca si schiude…
Il tuo è un gioco crudele..lento..spasmodico, accendi i miei sensi…brucia la voglia, strugge quel contatto che tu mi neghi… lo fai apposta!
Calmo…..
Odio. …ma Amo..
Crudele ma sapiente…
Le mani legate, con un filo d’amore…
Occhi bendati i miei con baci di miele….
Ti sfami
Nutrendoti di me… tremo dallo stupore…
Urlo..

image

L’emozione mi pervade tutta.
Tu mi possiedi con tutti i sensi, corpo di pelle,gemito scandisce il ritmo, respiri crescono, mani si intrecciano, bocche si cercano, sudore imperla la fronte….lingua curiosa salato al gusto….
Fremente l’ attesa….
Odore di femmina…
Sapore di maschio…inebria entra prepotente…disseta
Danzano i corpi…
Avvinghiati…
Arcaiche melodie, desiderio puro, follia, nessun pudore tutto è concesso, tutto è permesso…
Ed è quell’attimo in cui niente può accadere, ma è già accaduto…
In cui sai chi sei ma non ti importa nulla…
In cui tu sai dove vuoi stare e quello è il posto giusto….
Ed è quello il momento in cui esplodi….urli….e sai di essere viva!

Una come me.

image

Una come me apre gli occhi e sogna:
Sogna di intingere il dito in un arcobaleno per colorare la malinconia di azzurro, la tristezza di giallo…
Una come me la trovi negli angoli del cuore seduta a ricamare parole d’amore che poi cucirá riempiendo quel vuoto creato ad arte da altre
Una come me ti guarda dentro chiudendo gli occhi, perché è l unico modo che conosce per vedere chiaramente..ti abita dentro, si veste di te, si siede nella tua anima sprimacciandola per bene giusto per stare comoda..
e ti porta in dono un sorriso travestito da lacrima frutto di emozione…
Ti fa sciogliere in un abbraccio, ti perdi un battito in ogni attimo che i tuoi occhi sono fissi nei suoi, riesce a far volare il tempo solo disegnando il profilo delle tue labbra….fa fermare il tempo se ti bacia dolcemente
Una come te è la teoria dei colori…è una risata di pancia…è una nuvola a forma di fiore….è una presenza dentro l’assenza…
È una bambina seduta su un altalena che grida “Portami in alto”
Una come te è vita,è tutto e il contrario di tutto…sa amare,parlare, è amica, moglie, compagna, complice….
Una come te….si merita a priori, riesci a dare luce alle giornate buie….trasformi la solitudine in un concerto, non chiudi mai i sogni in un cassetto….
Immagini di vivere in un abbraccio stretto….
Una come te altro non è che una come me questo è sempre quello che tu dici a me!

Nel mio tempo.

image

Mi piacerebbe fermare il tempo, strappare via le lancette a tutti gli orologi, inchiodare il tempo….tutto questo per godere di te, di noi, di quello che ci lega…della magia che respiriamo quando siamo occhi negli occhi…ed il respiro sa di fragola e more….
Ti osservo e mi innamoro di quello sguardo che entra e che mi trapana l’animo, che mi porta a sollevare una mano e dolcemente accarezzarti il viso, seguire e disegnare la tua bocca, soffermarmi…mordendomi un labbro desiderando affondare la mia lingua…
Desidero….
Si! Ti desidero!!
E non posso farci nulla, io non resisto, non ti resisto..
Tu sei un oasi nel deserto…
Sei il sole in un giorno di pioggia….
Sei il cibo per un affamato….
Sei sangue che scorre, sei vita che nasce…
Sei tormento e passione…
Sei brivido dentro….
Sei rinuncia e conferma. ..
Sei un abito cucito ad arte..
Sei le mani che afferrano..
Sei il cuore che batte….
Sei il tempo che sfugge…
Voglio fermare il tempo….
Bramo restare inchiodata nel tuo cuore senza limiti ne confini.
Ferma il tempo, immagina il nostro tempo.

Cercami.

image

Cercami nei giorni tristi che vivrai, li…. mi troverai.
Sarò quel pensiero che ti rende gli occhi lucidi…resterò impressa in quel sorriso che ti scioglie il cuore…
Ti parlerò attraverso una canzone che distrattamente ascolterai..
Sarò nella promessa di non lasciarci andare..
Abiterò sulla tua pelle fin dentro gli angoli dell’anima sdrucita..
Vivrò sulla tua bocca, nascerò come respiro per diventare poi sospiro solo cosi, tu
mi cercherai volutamente….e perdutamente continuerai ad amarmi, perché io sarò presente nelle pieghe della tua mente, e quei giorni tristi non esisteranno più.

Lacrime silenziose.

image

Anime perdute,
Con timore reverenziale entro…percorro il corridoio, conto quattro stanze, tutte aperte.
Fuori di ognuna visi stanchi, occhi vuoti da troppe lacrime versate,incredulità, dolore, tutto uguale, anche se nessuno si conosce…. basta guardarsi negli occhi, mormorare un buongiorno sommesso sottovoce, per riuscire a comprendere che ti accomuna lo stesso destino, ti trovi nello stesso luogo, per lo stesso identico motivo….la perdita di una persona cara!
Camera ardente, sembrerebbe un luogo caldo, invece nulla di più sbagliato, è il luogo più freddo del mondo….vi aleggia la morte…
Una “Signora”che non guarda in faccia nessuno, molto maleducata, non rispetta casta, classe sociale, etá, ricchezza, povertà, a lei non importa tu chi sei, lei si aggira con la sua scure, il suo mantello nero…e quando arriva te ne accorgi, ti devasta, ti travolge, non ti fa respirare, ti porta via pezzi di te, lasciandoti a brandelli….ma vivo….
Ho potuto osservare che il dolore alberga fuori dalle camere ardenti…quasi sempre in quel corridoio c’è un anima che guarda nel vuoto con il proprio dolore composto….silenzioso….lacrime che nascono silenziose e muoiono in muti singhiozzi, mentre in quelle stanze sembra si faccia salotto parlando, ridacchiando, salutandosi come ad un incontro di coscritti finalmente ritrovati! Quella che sto scrivendo è una riflessione dovuta purtroppo ad una esperienza che ho vissuto in questi giorni, la perdita di una persona cara, ho potuto osservare con dovizia di particolari questa fiction che è la vita, tra una pubblicità e l altra, la morte appunto!!
Mi ha strappato il cuore la visione di un ragazzo…che è diventato di colpo adulto per la perdita del papà, si è allontanato come un bambino messo in castigo di schiena al mondo nascosto in un angolo, singhiozzava silenziosamente..mi sono avvicinata e gli ho dato un fazzoletto di carta…mi ha fatto una tenerezza pazzesca, lo avrei voluto abbracciare come una mamma fa rassicurando un figlio che tutto andrà bene….sono riuscita però a dirgli:fatti coraggio! Il suo sguardo mi ha lasciato senza parole….
Ho tanto ripensato restando seduta in quel corridoio alla famosa poesia di Antonio de Curtis (Totò) A livella..
ed esattamente all’ultimo verso che dice: “Queste pagliacciate le fanno solo i vivi: Noi siamo seri…..Apparteniamo alla morte!

Tessere di vita.

Siamo fatti di ricordi, di sensazioni, parliamo, ridiamo, piangiamo, restiamo avvinghiati

image

al tempo che silenziosamente passa lasciando tessere di mosaico incollate nel nostro io…. lasciando altri ricordi a cementare il nostro essere…. Tessere mescolate cosi ad arte che a volte fai fatica a trovare il senso del disegno, nessuna combacia….e per quanto tu cerchi di trovarlo quel senso, a volte devi arrenderti, altre volte invece riesci a ultimare e visualizzare il meraviglioso disegno….accorgendoti solo in ultimo che manca la tesserina centrale…quella che darebbe il giusto senso al tuo puzzle di vita.. Siamo fatti di ricordi, belli….brutti….tristi….felici….malinconici……piangiamo, ridiamo, cerchiamo di vivere di quella luce che chiamiamo emozione….desideriamo sentire un abbraccio sulla pelle quando le lacrime rigano il viso… Siamo fatti di ricordi… Mi soffermo a pensare a questa frase….mentre penso che in realtà siamo fatti di rimpianti…un ricordo altro non è che un rimpianto…. A chi legge l ‘ardua sentenza…

Cuore di nuvola.

Ho aperto la finestra e alzando gli occhi al cielo sono rimasta senza fiato….. nel cielo di un blu immenso un unica nuvola disegnata da un abile pittore tutta per me…. Un cuore di nuvola….
È rimasto lì,….nonostante la brezza tiepida sussurrasse….
Sto immaginando,e mi piace devo ammetterlo che questo sia un regalo del mio papà, lui molto romantico…..io degna figlia di quest’uomo meraviglioso,che troppo presto mi ha

image

lasciato,certamente contro la sua volontà…
Mio Dio papà!
Questo cuore è la frase d’amore più intensa,è l’abbraccio più dolce,questo cuore sei tu,io lo so,…. tu avrai convinto Eolo a non disperdere il tuo capolavoro fino a quando io non l’avessi visto,lo sai vero che sono una dormigliona….
Mi manchi tanto papà,In questi mesi tante volte ti ho parlato,ti ho raccontato delle scelte fatte,dell’amore che porto nel cuore per un uomo che tanto ti assomiglia nel cuore e nell’animo,… ti ho raccontato delle gioie,delle tristezze,delle delusioni di amici,lo sai a te io racconto tutto,ti ho raccontato che mi sento molto diversa,mi sento adulta,mi sento sicura,sono diventata “grande”(adulta),anche se…. quando la malinconia mi viene a trovare…..mi sento una bambina di 4 anni…ed è allora che vorrei correre da te per avere quell’abbraccio, quello che solo tu mi sapevi dare,mi stritolavi senza farmi male,mi proteggevi,mi amavi…..io Amavo te papà,e ti AMO sempre.Adesso so che tutto quello che sto facendo ha il tuo consenso,capisco che sei sempre orgoglioso della tua “piccerella”{piccolina}
Grazie papà,grazie del dono,il tuo cuore è nel mio cuore!
Infinitamente manchi…..ma ci sei!!

La lettera

La lettera
Sono appena rientrata..
Sei venuto a prendermi,mi hai riportato a casa,In macchina ho assaporato il calore del tuo sguardo che non lasciava i miei occhi nemmeno per un minuto,con il rischio di andare a sbattere,ti ho stretto la mano che avevi sul cambio,avevo bisogno di “sentire “che tu c’eri.
Mi sei mancata!
Anche tu mi sei mancato…

image

Siamo rientrati in casa, ho chiuso la porta appoggiandomi respirando” amore”mi hai abbracciata forte forte…mi hai baciata.
Sono entrata in camera per disfare la valigia e sul comodino ho trovato una lettera,ti ho guardato….mi hai detto “non ne so nulla”ho sorriso,sai mentire molto male!
Ho voluto disfare la valigia,ho fatto una doccia calda,ho acceso le candele, la musica…e mi sono seduta con le gambe incrociate sul divano e mentre tu aprivo una bottiglia di vino ho iniziato a leggere:
Ciao amore,
Ti scrivo queste poche righe per il tuo ritorno,
Felice di riaverti tra le mie braccia.
Sono semplici parole che escono dal mio cuore.
Spero ti piacciano…..!
Le mie labbra si appoggiano sulle tue come la schiuma del mare sulla riva che poi cade giù tra i sassi…leggera,lasciando su di loro il sapore del suo sale….
La mia mano accarezza il tuo viso,e come la luce di un alba In estate,sento un brivido che mi avvolge,un calore che mi stende….e mi riempie il cuore…. Ti do tutto me stesso,lo faccio ora,perché così mi sento vivo,mi sento vero….Ora ti dico quanto sei importante,quanto vali al mondo,perché sei tu….solo tu che voglio accendere con uno sguardo,che voglio avere nelle mie sere,voglio cullare con tanto Amore,rassicurarti più dentro il cuore.
Questo sono io,e niente più…arrivo dal nulla…per poter essere tutto come in un sogno,dove quando ti svegli mi ritrovi lì,nel bene e nel male,sempre pronto ad amare.
Ti AMO Mary
Tuo per sempre….
Valter
Grazie amore mio
per tutto l’amore che porti dentro e che condividi con me!

Cuore mio.

image

Mi fermo ad ascoltare
il mio cuore palpitare
Sussurra con ardore
Mi parla del tuo amore.
Descrive ogni sorriso,
mi parla del tuo viso.
Racconta ogni segreto,
dei battiti è il più atteso..
Battiti impetuosi,
baci assai focosi.
Batte dolcemente negli occhi e nella mente,
freme nell’attesa di averti accanto a me per sempre!

Preludio

Manco dal tuo abbraccio
Solitudine…
Malinconia….
Sei vicino,ma non riesco a toccarti..

image

Sei nell’anima riesco a sentirti….
Ma il corpo chiede,brama….
Penso alla tua bocca..
socchiudo i miei occhi,schiudo le labbra
Inevitabile una carezza lenta…
Spingo indietro la testa…
sospiro giocando con una ciocca di capelli
sorrido….
pensiero intrigante attraversa la mente
le tue mani che sfiorano lente tessuto di seta
gambe scoperte…..
La schiena si inarca….
la mente riflette immagini vivide
due corpi intrecciati…
sudati,mai stanchi…
Sospiro,respiro,io vivo e
attingo al ricordo il battito folle
l’odore della pelle….
i tuoi “ti voglio” perdutamente
Manchi al mio abbraccio
Pretendo
Desidero
Voglio
Bramo
Ho bisogno di te!